Home » La magistrale seduzione della matrigna 2: Un trittico con Matrigna e Figliastro by Seth Daniels
La magistrale seduzione della matrigna 2: Un trittico con Matrigna e Figliastro Seth Daniels

La magistrale seduzione della matrigna 2: Un trittico con Matrigna e Figliastro

Seth Daniels

Published January 23rd 2013
ISBN : 9781622471737
ebook
Enter the sum

 About the Book 

Per aiutare il suo figliastro Tom e il suo amico Ian a pagare l’affitto, Joanne ha commissionato a Ian di dipingerle un ritratto. Con il marito all’estero e lei che si sente disperatamente sola, avere due uomini giovani a giro per la casa ò unaMorePer aiutare il suo figliastro Tom e il suo amico Ian a pagare l’affitto, Joanne ha commissionato a Ian di dipingerle un ritratto. Con il marito all’estero e lei che si sente disperatamente sola, avere due uomini giovani a giro per la casa ò una tentazione cui nessuno di loro può semplicemente resistere. Le sessioni per lavorare al ritratto si modificano in memorabili - e gradevoli – occasioni che è quasi un peccato che il dipinto sia finalmente compiuto. Tuttavia, quello non vuole dire che non possano farlo per un’ultima volta con sentimento … solo per amore dell’arte.Si tratta di un racconto breve a tinte esplicite di circa 6.200 parole. Contiene al suo interno linguaggio grafico e temi sessuali. Si rivolge ad adulti che sono interessati a questo tipo di materiale per la fruizione in sistemi legali dove la vendita e il suo godimento non violano alcuna legge.Stralcio:Mettendo da parte questi pensieri, trovai l’escrescenza dura del suo grilletto con il pollice e iniziai a sfregarlo, mentre con le altre dita giocherellavo con la sua apertura. Riuscivo a sentire come stesse diventando sempre più bagnata sotto la mia mano, e risultò molto gratificante quando arcuò verso l’alto la schiena ed irrigidì le gambe, al momento in cui affondai due dita dentro di lei.Le spinsi quanto più in profondità potevo, divaricandole a forbice nella calda umidità della sua vagina, mentre cercava di scoprire dove fosse il punto giusto. Una breve presa di respiro mi disse che l’avevo raggiunto, e piegai le dita per sfiorare meglio quel piccolo fascio di nervi. Il sudore stava iniziando a far incollare alla pelle il tessuto sottile della sua camicetta, e riuscivo a intravedere il profilo dei suoi capezzoli, mentre conficcavo le mie dita dentro e fuori di lei, incurvandole e distendendole, fermandomi per strofinare il pollice in cerchi regolari contro il suo grilletto, sempre mantenendo un ritmo irregolare per mantenerla sul chi va là, cercando sempre di mantenerla in bilico.